Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Morbi eu nulla vehicula, sagittis tortor id, fermentum nunc. Donec gravida mi a condimentum rutrum. Praesent aliquet pellentesque nisi.

Ricette

HomeRicette

Ingredienti per 4 persone 170 grammi di Prosciutto cotto di San Patrignano 3 decilitri di latte 10 grammi di burro 10 grammi di farina 80 grammi di olive denocciolate 400 grammi di pasta corta   Preparazione Tagliare il prosciutto cotto di San Patrignano a dadini di circa 1 cm e saltarli in padella con il burro. Preparare il roux per la besciamella facendo sciogliere il burro e unendovi la farina mescolando attentamente per evitare grumi. Portare a bollore il latte e unire il roux. Aggiungere il prosciutto cotto saltato senza riportare a ebollizione. Tritare finemente le olive nere e unirle alla salsa. Una volta cotta la pasta saltarla in padella assieme al condimento.  

500 gr. di Farina SanPatrignano 70 ml. d’olio extra vergine di oliva o in alternativa 100 gr. di strutto 160 ml circa di acqua 10 gr. di sale di Cervia 1/2 cucchiaio di bicarbonato o mezza bustina di lievito 1 cucchiaio di miele Munitevi di un testo romagnolo, tipica padella di ghisa dal manico lungo, bassa, piatta e circolare, in alternativa si può utilizzare una padella con fondo antiaderente. Attenzione alla cottura che richiederà fiamma moderata onde evitare di bruciare la piadina. Preparazione e cottura della padina: In una ciotola capiente mescolare tutti gli ingredienti. Prima la farina poi l'olio o lo strutto, parte d'acqua , poi aggiungendo il sale, il miele e infine il bicarbonato o il lievito, Attenzione a non lavorare troppo l’impasto, deve rimanere più grezzo possibile . Traferire l'impasto in una ciotola coperta da un telo inumidito e lasciare riposare per circa mezz'ora in frigo. Dividere l'impasto in 4 palline, lasciarle riposare in frigo. Dopo un’ora stendere ogni pallina con un mattarello, creando quattro spianate circolari sottili (circa 25-30 cm di diametro e 2-5 mm di altezza). Mettere sul fuoco il testo romagnolo e farlo riscaldare bene, forare la superficie delle piadine con i denti di una forchetta